Che la vacanza… continui! Ovvero: come sentirsi in vacanza anche quando le ferie sono finite, grazie al food delivery.

Come ogni anno, le vacanze sono volate. Ma proprio nel ricordo ancora fresco delle cene sul lungomare e dei pranzi nei ristorantini di montagna è il segreto per prolungare “l’effetto vacanza”, anche nell’ambiente certo meno suggestivo della cucina di casa o dell’ufficio. Deliveroo ha chiesto al dott. Giorgio Donegani, nutrizionista e consulente per l’alimentazione, alcuni consigli su cibi e piatti da ordinare per prolungare questo effetto e continuare a sentirsi un po’ in vacanza anche al rientro.

Lunedì 30 luglio 2018 — Mangiare fuori. È un must della vera vacanza: pranzare nei baretti in riva al mare, le tavolate alle sagre di paese, o magari la cena a lume di candela nel ristorante in...  e se il cibo è importante, a renderlo ancora più buono c’è il fatto di non dover passare le ore a prepararlo, nel “farsi servire” per una volta, e nel poter staccare davvero la spina da tutto, lontani dalla routine dei soliti giorni. Ed ecco allora che, una volta tornati dalle ferie, portarsi in casa o in ufficio un po’ di vacanza, grazie anche ad un servizio come Deliveroo, può essere l’idea giusta per rendere meno traumatico il rientro ed evitare la più classica delle depressioni post-ferie.

Il concetto è semplice: se non è più così immediato andare al ristorante, ebbene, che il ristorante venga da noi. Un menù goloso, sano, da “vacanza”, consegnato a casa o in ufficio senza l’ansia di doversi rimettere ai fornelli, lavare le pentole, sistemare la cucina…

Deliveroo, il servizio di food delivery che consente di gustare a domicilio i piatti dei propri ristoranti preferiti, si è rivolto al dott. Giorgio Donegani, nutrizionista e consulente per l’alimentazione, per dare alcuni suggerimenti utili su come prolungare a tavola l’effetto vacanza e rendere il rientro al lavoro e alla routine quotidiana meno “traumatico”. La scelta degli alimenti infatti  riveste un ruolo importante mantenere e prolungare i benefici del periodo vacanziero: alcuni possono prolungare l’abbronzatura, altri aiutano ad avere la giusta carica e altri ancora a gestire lo stress e a ritrovare un po’ di buonumore.

 Ecco di seguito in breve alcuni dei consigli del dott. Giorgio Donegani da tenere sempre a mente.

 

1) Per prolungare l’abbronzatura: frutta e verdura arancione e rossa

Mai come in questo periodo è importante puntare su alimenti freschi e ricchi d’acqua (soprattutto frutta e verdura), che consentono di mantenere idratato l’organismo, rendono più elastica la pelle e contengono sostanze in grado di prolungare la tintarella.

  • Il melone, che a settembre si trova ancora buono, con oltre il 90% di acqua è quasi una bevanda solida, perfetta per idratare l’organismo e, grazie alla sua ricchezza di betacarotene (il pigmento che dà il colore arancione), stimola la melatonina favorendo il prolungarsi dell’abbronzatura.
  • I peperoni sono ricchissimi di vitamina C (ben 151 mg in un etto di peperoni), che tra le altre cose interviene nella produzione del collagene, fondamentale per mantenere elastica la pelle e contrastare la ritenzione idrica.  Quelli rossi contengono anche licopene, antiossidante che protegge la pelle dai radicali liberi.
  • Le carote, stimolano direttamente la formazione di melanina nella pelle, migliorando la sua resistenza ai raggi ultravioletti. Il betacarotene viene poi trasformato in vitamina A nell’organismo secondo i suoi fabbisogni.

Da portare in tavola:

  • Peperoni ripieni di riso
  • Un sorbetto al melone
  • Crema di carote e zenzero

Alcuni ristoranti da cui ordinare:

  • Rosticceria Galli (Milano)
  • Vikos (Bologna)
  • Officine del gelato (Roma
  • Green Station (Milano)
  • Flavors Milano (Milano)

 

2) Quando si ordina il pranzo in ufficio: un piatto unico leggero e bilanciato

Altro must della vacanza, la pennichella dopo pranzo è da dimenticare quando sono i ritmi dell’ufficio a imporre quelli della giornata. Ben venga allora l’idea di un pranzo goloso scelto su misura invece del menu della mensa o della ancora più triste “schiscetta” con la possibilità anche di mantenersi attivi e in forma dopo mangiato, al riparo dalla temuta “sonnolenza postprandiale”. Sono perfetti a questo proposito i piatti costituiti da mix di cereali e verdura, piuttosto che insalatone contenenti fonti proteiche magre, che saziano senza ostacolare la digestione.

  • La quinoa, ricca di carboidrati complessi e di proteine vegetali, è un valido alleato delle pause pranzo d’asporto. Adatta anche a chi è celiaco, garantisce un prolungato senso di sazietà senza causare il classico “abbiocco” pomeridiano. Un condimento a base di verdure e/o legumi è l’ideale per completare il piatto dal punto di vista nutritivo con la giusta dose di fibre, vitamine e minerali.
  • Il pollo, per chi ama la carne, vanta un eccellente apporto proteico che, unitamente al basso contenuto di grassi e alla finezza delle sue fibre muscolari (povere di tessuto connettivo), rende questa carne particolarmente digeribile, perfetta per chi vuole scongiurare ogni senso di pesantezza e mantenere la forma raggiunta in vacanza.
  • Il polpo, è un vero campione di leggerezza.  Basti pensare che un etto di polpo pulito fornisce 57 kcal, soltanto un grammo di grassi, quasi 11 g di proteine e apporta un'ottima quantità di ferro. È perfetto per riportare con la mente ai pranzi leggeri di pesce consumati in spiaggia, meglio se abbinato a una fonte di carboidrati complessi per bilanciare il piatto e a della verdura per arricchirlo di fibra e fattori protettivi.

Da portare in tavola:

  • Insalata di quinoa, piselli e zucchine
  • Straccetti di pollo con lattuga, mais e pomodorini
  • Insalata di polpo con patate e rucola

Alcuni ristoranti da cui ordinare:

  • Frankie’s (Milano)
  • Green Koala (Milano)
  • Box Food Truck (Roma)
  • Rosticceria Giacomo (Milano)

 

3) Concediti qualche sano e goloso sfizio

Chi appena rientrato dalle vacanze pensa subito a iniziare una dieta ferrea, fatta di tante privazioni e poco gusto, non ha scelto la strategia migliore per tenersi in forma… Concedersi qualche piccolo piacere di tanto in tanto è fondamentale per mantenere alto l’umore e non farsi sopraffare da stress e preoccupazioni. E se si segue un’alimentazione nel complesso bilanciata, non sarà di certo qualche sporadica golosità a compromettere la forma fisica.

  • Il cioccolato fondente è il migliore antidoto alla tristezza: contiene due sostanze (la feniletilammina e l’anandamide) in grado di agire direttamente sull’umore. Un dolcetto a base di cioccolato ogni tanto può aiutare a superare con il sorriso anche la peggiore giornata in ufficio.
  • I pistacchi, ricchi di grassi buoni ti tipo insaturo, proteine vegetali e importanti minerali (sono un’ottima fonte di potassio), sono un altro alimento perfetto per garantire la giusta ricarica di energia e un prolungato senso di sazietà. Un recente studio ha inoltre dimostrato che un loro consumo come snack quotidiano al posto di altri snack dolci o salati aiuta a controllare il peso corporeo.
  • I mirtilli, fonte privilegiata di antocianine, potenti antiossidanti, aiutano a combattere i radicali liberi, migliorano la circolazione, e contrastano quel fastidioso senso di pesantezza agli arti inferiori che spesso si avverte dopo tante ore passate alla scrivania.

Da portare in tavola:

  • Mini muffin al cioccolato
  • Granita al pistacchio
  • Smoothies ai frutti di bosco

Alcuni ristoranti da cui ordinare:

  • Pandenus  (Milano)
  • Acai Frulleria (Milano)

 

4) Rilassati un po’: cena a casa ma non cucinare!

Quando la giornata lavorativa è finalmente giunta al termine e si torna a casa… l’idea di mettersi subito ai fornelli e preparare la cena è di quelle che fanno rimpiangere ancora di più la vacanza. Fare la spesa, pensare a cosa cucinare, accontentare tutta la famiglia… le fonti di stress sembrano crescere in modo esponenziale. Per fortuna c’è il delivery… ecco qualche idea per una cena da “vacanza casalinga”.

  • Il sushi, non solo tende generalmente a mettere d’accordo tutti, ma se scelto bene può anche garantire tutti i giusti nutrienti senza appesantire. Il consiglio è di preferire i piatti più semplici, a base di riso, fonte di carboidrati complessi, salmone, fonte privilegiata di grassi buoni omega 3 oltre che di proteine nobili, e avocado, miniera di potassio e di utili acidi grassi.
  • La carne di manzo, con 22 g di proteine e 1,8 mg di ferro facilmente assimilabile, è perfetta per mantenere sani i tessuti. È anche un’ottima fonte di vitamine del gruppo B, soprattutto di B12. Ecco allora che per cena si può pensare di tanto in tanto a un hamburger ben fatto, piuttosto che a delle golose polpettine.
  • La mozzarella, morbida, fresca e delicatamente profumata, è la "regina" dei formaggi freschi. Ha una buona presenza di proteine nobili (quasi quanto quella della carne) così come il contenuto di calcio, minerale essenziale per la salute delle ossa e dei denti, e di fosforo. Fresca, estiva e compagna ideale della migliore verdura di stagione.

Da portare in tavola:

  • Roll salmone avocado e philadelphia
  • Hamburger di manzo con lattuga e cipolle
  • Una pizza con mozzarella di bufala e pomodorini

Alcuni ristoranti da cui ordinare:

  • Daruma Sushi (Roma)
  • Nima Sushi Uramakeria (Milano)
  • Cow Burger (Milano)
  • Il panino di Zio Frank (Torino)
  • Lievità (Milano)Barbaroux Pizza (Torino)
  • Beveria Monteverde (Roma).

 

 

Melone
Peperoni
Carote
Quinoa
Carne di Pollo
Polpo
Cioccolato fondente
Pistacchi
Mirtilli
Sushi
Carne di Manzo
Mozzarella
Filippo Ferrari Ufficio stampa Deliveroo at Eidos Srl